‘Questione Stadio’, prosegue il dialogo con l’amministrazione

di Domenico Borriello

Piazza d’Armi rappresenta ormai una questione atavica a cui è arrivato sicuramente il momento di dare una svolta. Come è noto sono diversi i progetti che ne hanno funestato le vicende nel corso degli anni, dalla mai realizzata “Cittadella giudiziaria”
al progetto del “Museo della Cartapesta”, la cui unica traccia – oltre ai contenziosi tra il Comune e la ditta realizzatrice – è uno scheletro di lavori cominciati e mai ultimati.
Nel mezzo – chiaramente – c’è la questione stadio, legata chiaramente a doppio filo alle faccende del “Museo della Cartapesta”, dato che la struttura mai completata e pericolante condiziona – di fatto – ogni discorso relativo alla riqualificazione dello stadio nolano. Sull’annosa questione abbiamo così sentito Tino Simonetti, che durante l’ultima campagna elettorale si è fatto portatore delle istanze dei tifosi del Nola in merito alla faccenda.
“La questione è abbastanza delicata perché sulla struttura mai utilizzata per il Museo della Cartapesta – che oggi è pericolante e dev’essere quindi abbattuta – ci sono i fondi della regione Campania di mezzo e un contenzioso che il Comune di Nola deve risolvere con l’azienda a cui era stata affidata la realizzazione della struttura.
Ciò detto, è purtroppo noto che negli ultimi 20 anni la questione non sia stata nei fatti una priorità per le amministrazioni che hanno governato la città” ci ha detto Simonetti, che ci ha poi raccontato del ruolo di supervisore e garante della vicenda che sta di fatto rappresentando in questa fase.
“Ci siamo riuniti con i tifosi alla fine dell’estate e mi sono fatto portavoce delle loro istanze, così in un incontro con il Sindaco abbiamo di fatto manifestato la volontà della tifoseria di collaborare in maniera attiva e capire quali possano essere le strategie da perseguire affinché il percorso per riportare lo Stadio ai suoi fasti veda effettivamente la luce”.
Durante la presentazione del Nola calcio per la stagione da poco cominciata si è sicuramente sentita l’insofferenza dei tifosi, che hanno manifestato la loro seccatura per una questione ormai ventennale. Un’insofferenza che di certo non è nei confronti dell’attuale amministrazione, che soltanto pochi mesi fa si è insediata alla guida della città.
Simonetti – a tal proposito – ha sottolineato l’impegno del Sindaco Buonauro e della sua amministrazione, con i quali ci saranno degli aggiornamenti a cadenza mensile sullo stato della vicenda.
Sembrerebbe esserci – quindi – un cambio di rotta che speriamo possa riportare la città di Nola a riappropriarsi dei suoi spazi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: