Stella-Telethon da 12 anni unite in nome della solidarietà

Di Gerardo Cassese

Nola , come risaputo il mondo Stella e la Fondazione Telethon hanno avviato da ormai 12 anni,  un fronte di dialogo su il coinvolgimento delle risorse del territorio nolano nella campagna di raccolta fondi che tradizionalmente la Fondazione Telethon realizza, nel mese di dicembre su tutto il territorio nazionale, attraverso la vendita dei cuori di cioccolato,  per sostenere la ricerca scientifica sulle distrofie muscolari ed altre malattie generiche rare. Il mondo Stella è di fatto entrato nella “rete di solidarietà” che da anni la Fondazione costruisce sul tutto territorio italiano e lo sta realizzando, attraverso l’impegno della comunità nolana e dei suoi associati. Un impegno, che si sta traducendo in gesti concreti raggiungendo quest’anno alla raccolta record di € 3220.  La crisi sanitaria ha colpito la situazione economica di molta gente, ma nonostante ciò abbiamo avuto una risposta straordinaria ad ogni nostra iniziativa solidale, queste sono le certezze che ci danno la forza di continuare il lascito di persone care al Mondo Stella, alle quale mi ispiro in ogni progetto presente e futuro .Stiamo vivendo giorni che ricorderemo a lungo, per il silenzio che ci circonda, per le piazze deserte, per l’impossibilità dei rapporti parentali ed amicali cui siamo abituati, per il lavoro da casa, il lavoro agile e purtroppo, per i bollettini giornalieri sul numero delle persone guarite, contagiate o decedute. Di fronte ad un nemico invisibile ed impalpabile, che assume il volto possibile di ogni persona che incontriamo, di ogni relazione e di ogni rapporto, ci sentiamo improvvisamente indifesi, esposti e smarriti. È una fragilità che mette fuori gioco molte delle relazioni interpersonali e sociali, che ci ha portato a trascorrere le festività natalizie, in virtù dell’aumento vertiginoso dei casi covid sul territorio nolano, con l’ansia anche per un saluto, ma non tutti i mali vengono per nuocere, sfruttiamo questa occasione per essere migliori, è l’occasione per capire che il diverso vive accanto a noi e ha le nostre stesse paure e corre i nostri stessi rischi e soprattutto impariamo a guardare ai problemi dell’altro come ai nostri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: