Il restauro della statua lignea della Madonna Assunta della cattedrale di Nola

di Maria Esposito

L’ Associazione culturale “Amiamola” nasce il 5 luglio 2016 per volontà di un gruppo di amici i quali, mossi dal grande amore per la loro città e dalla profonda  devozione  verso  i  Santi  Felice  e  Paolino,  sentono  forte  la necessità di garantire uno spazio di partecipazione attiva alla vita sociale e  culturale  di  Nola,  con  particolare  riferimento  alla  Festa  dei  Gigli, impegnandosi a promuovere la stessa in tutti i suoi molteplici aspetti. Nel rispetto  dei  ‘valori  paoliniani’,  fede,  fratellanza,  solidarietà,  si  sono realizzate opere di carattere sociale e culturale di grande rilevanza ed iniziative solidali in varie forme. A sostenere progetti e speranze il grande cuore del popolo dei Gigli che mai ha fatto mancare il suo sostegno: anime che si incontrano e danno vita ai sogni. Ed il sogno più bello è arrivato con una proposta che il Consiglio direttivo, attualmente composto da Felice Caliendo, Luca De Risi, Raffaele Donnarumma, Palmira Foglia, Nunzia Ianniciello, Maria Napolitano, Carmen Ostella, Paolo Peluso, con Maria Esposito presidente, ha accolto con infinito onore, con immensa gioia e profonda emozione: il restauro della Madonna Assunta in Cielo, che è storia, fede, simbolo identitario di un popolo e che è tornata il 13 novembre 2021 nel museo della Cattedrale, la ‘sua casa’, la ‘nostra casa’, dopo più di un secolo e mezzo.  Presenti all’evento S.E. Monsignor  Francesco Marino,  Vescovo di Nola; don Domenico De Risi, parroco della Cattedrale; l’ingegnere Gaetano Minieri, Sindaco di Nola; l’architetto Ferdinando Giampietro, assessore ai Beni Culturali; la dottoressa Palma Recchia, funzionario restauratore della Soprintendenza di Napoli;  la dottoressa Antonia Solpietro,  direttore dell’ufficio Beni Culturali della Diocesi di Nola; la dottoressa Marilù Foglia, restauratrice. 

La nostra profonda gratitudine per la riuscita del progetto va a due donne straordinarie, la dottoressa Antonia Solpietro e la dottoressa Marilù Foglia.  La dottoressa Solpietro è l’anima del prezioso restauro conservativo che, tenacemente ed instancabilmente, ha creduto e voluto si realizzasse. Quando le chiedemmo come associazione cosa potevamo fare per la città nonostante il difficile periodo causato dalla pandemia, lei ci parlò di un sogno che aveva nel cuore dal momento del ritrovamento della statua della Madonna: ridonarle finalmente la luce! Le sapienti mani e la grandissima competenza della restauratrice dottoressa Marilù Foglia hanno salvato la Madonna Assunta da un sicuro deterioramento, a lei il merito di  averci creduto fino in fondo e di non essersi mai arresa di fronte alle difficoltà incontrate.

“Sta sul muro dietro all’altare un’amplissima sfera di pittura, e stucchi formata con molti dorati raggi … ed alcuni Angioli di varia grandezza scolpiti ‘n legno, e colorati … ed in mezzo a questi è sollevata s’una nuvola un’alta statua, che rappresenta l’Assunzione al Cielo della gran Madre di Dio con larga corona intorno di stelle d’argento; ed ai suoi fianchi son due gran nicchi con l’intere statue de’ due più celebri Nolani Vescovi S. Felice, e San Paolino” (G. Remondini, Della Nolana Ecclesiastica Storia, 1747, I, p. 165).

La ‘Grande Madre di Dio’ è una statua in legno policromo raffigurante la “Madonna Assunta”, secolo XVII,  facente parte del trittico quasi certamente commissionato dal  vescovo Giovan  Battista  Lancellotti  (1615-1655),  presente  sull’altare maggiore della Cattedrale di Nola prima che un incendio nel 1861 distruggesse parzialmente il Duomo.  La Vergine Assunta in Cielo si salvò per miracolo, alla sua base, anch’essa recuperata da sicura rovina, ma mancante degli angeli che l’adornavano andati purtroppo perduti negli anni, sono chiaramente visibili i danni causati allora dal fuoco e dal fumo. Le statue  di  San  Felice  e  San Paolino furono custodite nella chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, detta  della  Pace,  mentre  la  monumentale  scultura  dell’Assunta  trovò posto  in  un  grande  scarabattolo  nella  chiesa  dei  Santi  Apostoli.  Nel progetto  di  ricostruzione  ottocentesco  del  Duomo  fu  realizzata  nella navata laterale sinistra una cappella dedicata a San Paolino con l’antica effige lignea del santo che, dunque, fu riportata nuovamente nel Duomo. 

Destino  diverso  ebbero  le  altre  due  sculture  che  non  trovarono  più allocazione  nella  loro  sede  originaria  e  che  oggi  fanno  parte  delle collezioni del Museo Diocesano di Nola.  La Vergine nel 2003, per volontà della dottoressa Solpietro, fu spostata dalla chiesa dei S.S.  Apostoli, velinata e posta sulla balconata che affaccia sull’altare del Duomo. Da lì il 18 giugno 2020 è stata prelevata e trasportata al laboratorio di restauro.  Così spiega la restauratrice: “Il  giorno  in  cui  è  stato  organizzato  il  ritiro  dell’opera  in  oggetto,  si  è immediatamente appreso il gravissimo stato di conservazione in cui verteva la Madonna. Tutta l’opera in legno policromo era stata ricoperta da uno strato di tela patta per lo più decoesa dalla pellicola pittorica, solo il volto e le mani non  erano  state  garzate  a  differenze  di  tutto  il  resto.  Nella  prima movimentazione atta al trasporto dell’opera, si è immediatamente appresa la gravità dello stato di conservazione; ogni zona che veniva toccata con un po’ più di forza tendeva a sbriciolarsi sotto la presa delle mani, i frammenti che si distaccavano erano numerosi ed in un gravissimo stato avanzato di degrado, il braccio sinistro si sosteneva al corpo solo grazie alla garzatura, la base invece era frammentata in numerosi tasselli lignei ormai non più adesi alla struttura. La prima cosa effettuata è stata la delicata rimozione della garza che per lo più si presentava distaccata ma ancorata ad essa vi era la pellicola pittorica distaccata dalla preparazione, si era effettuato un vero e proprio trasporto della preparazione. Si è così proceduto a rimuovere la patta rigonfia e distaccata senza trasporto della preparazione pittorica ammorbidendola con solventi abbastanza volatili; invece nelle zone in cui si era effettuato il trasporto  della  preparazione  si  è  proceduto  al  reincollaggio  della preparazione al supporto ligneo e ad una stiratura con termocauterio. Tutta la sbendatura è stata effettuata millimetro per millimetro poiché bisognava far riaderire la preparazione e rimuovere la patta, numerose sono le zone in cui è stata applicata la carta giapponese affinché il colore venisse nuovamente riadeso. Terminata dopo mesi questa operazione l’opera ha mostrato la sua gravità; tutta l’essenza lignea era stata attaccata da insetti xilofagi di notevole aggressività  tipo  cervo  e  la  maggior  parte  dell’essenza  lignea  viva  era ricoperta da escrementi di insetti xilofagi, il legno era diventato ormai burroso e lacunoso in modo grave; anche la pellicola pittorica, principalmente sul volto della Madonna Assunta, presentava una preparazione ormai assente e vi era solo  un  sottile  strato  di  policromia  non  più  adeso  a  nessun  elemento strutturale. Dopo lo sbendaggio si è affrontato il consolidamento strutturale ed il consolidamento estetico. Una volta messa in piedi l’opera si è proceduto con una stuccatura strutturale di alcune zone effettuata con gesso di Bologna e colla di coniglio e all’occorrenza con araldite, tutte eseguite in sottolivello; è stato effettuato un saggio di pulitura con solventi sulla manica destra e su metà mano destra per far notare l’originale cromia dell’opera, il volto invece è stato completamente pulito con solventi per ridonare la bellezza effettiva del volto della Madonna. Durante l’intervento di restauro sono risultate evidenti tre cromie di blu differenti sul manto della Madonna e due cromie (avorio e rosa) sulla veste della Madonna Assunta. Nella zona posteriore della nuvola è venuta alla luce una scritta in cui si leggeva 1862, sfortunatamente il resto di questa testimonianza epistolare è andato perso. Nella zona della schiena della scultura è stato inserito, in verticale, un elemento ligneo sagomato con la modanatura del manto in modo da poter ridonare maggiore stabilità all’opera;  la mano  destra,  completamente  distaccata,  è  stata  anch’essa  prenata ed ancorata. Sul tavolato della base e sulle nuvole nella zona frontale è stata effettuata  una  stuccatura  neutra  in  modo  da  non  creare  delle  distonie cromatiche  con  la  base  in origine in oro zecchino. Tutte le  grandi  lacune  non  sono state stuccate o chiuse poiché è stato eseguito un intervento di restauro conservativo”. Un lavoro lungo e complesso che ci ha restituito un vero gioiello del patrimonio artistico della nostra comunità. Il direttivo dell’associazione Amiamola, oltre ad un personale contributo, ha raccolto  la cifra occorrente per il restauro grazie alla vendita delle maglie celebrative che ogni anno vengono proposte. Ogni pezzo restaurato della statua è un pezzo di cuore di chi ha contribuito. Nei due giugno senza la Festa (2019 e 2020), le scritte sulle maglie sono state: “Nessun tempo mai ti fermerà!” e “Insieme per ricominciare”. Due frasi di speranza per vedere rinascere una statua che è una vera e propria anima della nostra amata Città e che i figli di San Paolino e di San Felice hanno voluto riportare nel luogo che da sempre accoglie le preghiere e le aspettative del popolo nolano. Quando si lavora in sinergia nulla è precluso!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: