Il plastico della Festa ora è ‘patrimonio’ della città

Era il mese di febbraio 2020 quando un gruppo di 7 amici, contattati dall’associazione “Movi-mento Piazza d’armi”, hanno iniziato a dar vita a un diorama che rappresentasse il percorso della Festa dei GIGLI.

Dopo un momento di scetticismo, i 7 amici si sono incoraggiati l’un l’altro e presi dalla voglia di col-mare il vuoto che la pandemia ha provocato, dopo giornate intere a lavorare, notti insonne, presentato lo scorso 5 giugno presso il museo storico archeologico di Nola, una prima parte del lavoro finale. Questa prima parte, è stata realizzata con la lavorazione di multi materiali tra cui cartone, legno, resina e polistirene.

Per quanto riguarda la pavimenta-zione invece, grazie all’amico Salvatore Pollicino (che per mestiere fa il piastrellista) ci ha fornito sia i San pietrini che i basoli veri, riportandoli in scala secondo il diorama. Per la piazza sono stati fissati uno ad uno circa 16.000 San Pietrini, per le strade limitrofe quasi 4.500 basoli, mentre per i tetti, li dove sono presenti, quasi 20.000 tegole, tutte realizzate con cartone e una ad una.

Attualmente il lavoro misura 2,50mt x 1,25mt, quando sarà finito diventerà 5,50mt x 3,80mt. I 7 amici, senza nemmeno parlarne sono stati tutti d’accordo nel rap-presentare quello che è il momento più sacro della Festa, la benedizione del Vescovo al popolo e i suoi GIGLI e la Barca. Gli autori di questo lavoro Francesco Nocilla, Francesco Chiacchiaro, Vittorio Scafuro, Antonio Iovino, Emilio Mogavero, Orazio di Maio e Diego Graziano, fin dai giorni successivi la presentazione della prima parte, si sono messi all’opera per tentare di ultimare tutto il percorso storico della processione pomeridiana dei GIGLI entro giugno 2022, con la speranza che l’ultimazione del lavoro coincida con il ritorno della vera Festa.

Il plastico è stato donato alla città e sarà visibile ogni giorno dell’anno presso il museo storico archeologico di Nola situato in via Senatore Cocozza, il cosiddetto Vico de monache.

I 7 amici si auspicano che questa opera faccia da apripista ad una vera valorizzazione della Festa e tutto ciò che è arte e artigianato che gli orbita in torno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: