La Festa dei Gigli e il rapporto con tutto il mondo del cinema

di Lucio Nappi

NOLA- Nel mio breve saggio “Cinema e Storia dell’Arte” pub- blicato nel n° 35 di febbraio 2020 nella Rivista di studi “Teatro con- temporaneo e Cinema”, fondata da Mario Verdone e diretta da Gianfranco Bartalotta (Università Roma Tre) ho analizzato il rap- porto tra Arte e Cinema e di come si siano ispirati reciproca- mente. Il Cinema, infatti, rac- chiude in sé numerose forme d’arte come la letteratura, il teatro, la pittura, la scultura, la musica, la filosofia, l’immaginazione, il sogno, etc…
Anche i beni immateriali come la Festa dei Gigli e della Barca di Nola che, dal 2013, fa parte del ‘’Patrimonio orale e immateriale dell’umanità’’ UNESCO rien- trano tra le succitate forme d’arte ed il Cinema non poteva esimersi ad esporre tale patrimonio folkloristico.
La Festa dei Gigli e della Barca di Nola, non a caso, ha avuto un rapporto diretto con il Cinema e con i suoi massimi esponenti. Più di un regista di fama nazionale o mondiale ha percorso le strade di Nola durante lo svolgimento della kermesse che si tiene ogni anno nel mese di giugno. Tra questi ne citiamo alcuni: Rodolfo Bisotti; Masanori Nakasone, Gabriele Palmieri, Francesco Rosi, Franco Zeffirelli.
Per quanto concerne i film, sul grande schermo, alcuni richiami al folklore nolano sono visibili nei fotogrammi di “Profondo Rosso” (1975) film di Dario Argento.
Il regista ha girato, infatti, alcune scene all’interno del MUCIV – Museo delle Civiltà già Museo delle Arti e Tradizioni popolari ‘’Lamberto Loria’’ Roma, dove sono custoditi: bozzetti, modellini ed elementi delle strutture utiliz- zate nella festa eterna di Nola. Risale bensì al 1909 un primo documentario sulla festa dei gigli e della barca, girato dagli operatori della Cines, una società di produzione di Roma. Il documentario in argomento, fu destinato non solo al pubblico nazionale ma, anche a quello inglese e tedesco e questo aiuta a far capire l’internazionalizzazione che ha sempre avuto la nostra festa. Il cortometraggio, proveniente da un frammento del Fondo Fausto Correra, è depositato presso la Cineteca di Bologna che nel 2010 ne ha curato il restauro. In un minuto e 17 secondi il documentario illustra efficacemente lo svolgersi della festa. Sono visibili infatti: i gigli e la barca durante l’esibizione in piazza la domenica mattina; la processione del busto di San Paolino, prima della benedizione; la gioia dei presenti che, con abiti d’epoca (uomini con paglietta e donne vestite di bianco), danzano e ballano al ritmo della musica impartita dai suonatori, collocati sulla base delle macchine da festa.
Nutriti sono i film, cortometraggi e cinegiornali che hanno documentato il folklore nolano. Tra gli altri citiamo, ovviamente in ma- niera non esaustiva: Il cinegiornale dell’Istituto Nazione Luce nr. 1120 del 1946; la settimana Incom1 nr. 17 del 13 luglio 1946 e nr. 612 del 37 giugno 1951.
‘’La festa felice’’ il discutibile film‐documentario scritto e di- retto da Gabriele Palmieri
durante lo svolgimento della festa del 1980. Il documentario che si è avvalso della consulenza di Vincenzo Bo, Domenico de Masi e Lello Mazzacane, è andato in
onda sulle reti Rai nelle serate del 6 e 13 agosto 1982.;
Nel 1996 sempre sulle reti Rai è andato in onda il cortometraggio “I gigli di Nola” di Caliendo di Lorenzo;
Nel 2002 durante la manifesta- zione: Beni immateriali in rassegna, nell’ambito delle giornate Europee del Patrimonio, il Museo delle Arti e Tradizioni Popolari ha proposto il percorso visivo “La ballata dei gigli di Nola” di An- drea Palladini e Giacomo Giri; Nel 2003 con il documentario ‘’Nola la festa dei gigli’’ andato in onda durante la trasmissione ‘’gentes’, programma dell’emittente televisiva Retequattro, che raccontava degli usi e costumi delle varie tradizioni popolari, abbiamo rivisto la festa svoltasi nel 2001. Sempre nel 2003 con il pro- gramma televisivo “Geo e Geo” la Rai ha trasmesso, nella trasmissione del 5 febbraio 2003, uno spazio dedicato alla kermesse nolana facendoci vedere fotogrammi ripresi durante la festa del 2002.
Anche l’emittente Sat2000 si è interessata della festa di Nola con il film-documentario “San Paolino di Nola” commentando la sagra con immagini del 2003.
Il regista Lorenzo Gigliotti tra- mite l’Istituto Italiano di Cultura di Lisbona ha promosso e
diffuso il 21 febbraio 2007 il video docu- mentario “I Gigli di Nola” con riprese effettuate nel 1989. Di recente l’emittente retequattro con il programma “I viaggi del cuore” è ritornata ad illustrare “la festa dei gigli” nella puntata del 24 settembre 2017.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: